Termoregolazione, la potenza è nulla senza il controllo

Termoregolazione domestica evoluta

Termoregolazione impianti termici, un alleato fondamentale che deve dialogare con la tua pompa di calore.

Per spiegare la termoregolazione io uso sempre un’immagine che si riferiva alla pubblicità degli pneumatici Pirelli: La potenza è nulla senza il controllo.

E nel settore impiantistico, come in quello automobilistico, questa è la base per ottimizzare al 110% qualsiasi tipologia di impianto per la climatizzazione domestica.

P.S.: Si usa il termine climatizzazione per indicare il sistema che deve riscaldare, raffrescare e deumidificare gli ambienti.

Termoregolazione non vuol dire solo regolare la temperatura di una stanza o di una zona.

La termoregolazione evoluta conosce come funziona la termoregolazione corporea e di conseguenza può variare il suo funzionamento per farci percepire una temperatura gradevole in ogni condizione meteo esterna, un concetto difficile da spiegare ma molto apprezzato dagli utenti più esigenti.

Prima di tutto, capiamo la base. La termoregolazione serve a gestire tutti i componenti della climatizzazione di casa.

Possiamo climatizzare una casa con i radiatori, con un sistema radiante o con un sistema ad aria, ma in questo articolo mi concentro su come ottimizzare il tutto trasferendo i concetti di base della termoregolazione.

Se vuoi sfruttare al massimo la produzione di energia elettrica e trasformarla in energia termica per riscaldare e raffrescare la tua casa no gas, l’unico accessorio che ti permette di ridurre al minimo i consumi ed ottenere il confort e le temperature che disederi in casa 365 giorni all’anno, la termoregolazione non può mancare.

Cos’è e come funziona te lo descrivo subito.

Apparentemente tu puoi avere dei densori che rilevano i dati su tutte le stanze o su alcune zone della casa, ma il suo lavoro è molto più complesso.

Provo a darti una visione sui tre tipi di termoregolazione più frequenti che utilizzo abitualmente in tutti i progetti che realizzo.

Sistema di termoregolazione domestica evoluto in grado di essere gestito e programmato da remoto
Sistema di termoregolazione domestica evoluto

Termoregolazione su termosifoni.

Se pensi di fare un retrofit, ovvero di eliminare la caldaia esistente e di passare ad una pompa di calore, per ottimizzare consumi e confort puoi intervenire anche su impianti obsoleti portandoli a gestire le temperature in ogni stanza come un impianto più moderno.

Ti basterà inserire delle testine su ogni termosifone ed avere un gateway che da remoto ti permette di impostare la temperatura desiderata e le ore di funzionamento, oltre ad aumentare notevolmente il benessere in ogni ambiente, contribuirai a risparmiare energia termica, e di conseguenze energia elettrica, ottimizzando i consumi della pompa di calore.

Ovviamente, sempre per lo stesso principio di ottimizzazione degli impianti, la termoregolazione può e deve gestire i circolatori di rilancio e/o le valvole di zona per cercare di utilizzare l’energia termica prodotta dalla termopompa solo dove serve.

Termoregolazione su aria.

Qui è un po più complesso, l’aria è una signora difficile da gestire, ma nulla è impossibile.

Di sicuro mentre con i sistemi radianti puoi gestire stanza per stanza, con i sistemi ad aria primaria si ragiona sul mantenimento uniforme delle temperature e si lavora prima meccanicamente su portata e distribuzione, ma diamo per scontato che il tutto sia stato fatto e per inserire una termoregolazione adeguata bisogna tener conto di due fattori:

  • La temperatura esterna, in base a quella possiamo variare il lavoro della pompa di calore e quindi la temperatura che deve raggiungere l’acuq nel circuito tecnico per portarti il benesse sia in estate che in inverno. Qui la termoregolazione oltre che a variare il numero dei giri del ventilatore che alimenta il sistema ad aria, puà vcariare anche la temperatura di lavoro seguendo una curva climatica.
  • La tipologia di unità idroniche, quelle in cui passa l’acqua calda o fredda prodotta dalla termopompa, che passa nella batteria di scambio termico interna dove scorre l’aria che servirà a climatizzare gli ambienti. Le unità possono essere canalizzabili, a vista o a incasso.

Ma mentre le termoregolazioni per i radiatori e per le unità idroniche sono abbastanza semplici sia da intuire che da installare, quella più complessa in assoluto è quella da utilizzare per i sistemi radianti.

Termoregolazione sistemi radianti.

Qui si regola non solo la temperatura in ingresso dell’acqua nel sistema radiante, ma si tiene anche conto della percentuale di umidità dell’aria.

A prescindere dal radiante che può essere a pavimento, a parete o a soffitto, un’abitazione che sfrutta tale sistema deve avere un sensore in ogni stanza.

E che tipo di sensore?

Ecco, qui le cose si complicano un po.

Se la termopompa è al servizio del radiante solo per la fase di riscaldamento, ti basta leggere la temperatura e di conseguenza distribuire al meglio il calore solo dove serve. Se invece la termopompa è al servizio di un radiante che deve anche raffrescare casa, allora il sensore deve rilevare anche la percentuale di umidità.

Ma non basta, perché quando utilizzi un sistema radiante anche per il raffrescamento, bisogna inserire anche la deumidificazione degli ambienti, che puoi fare sia con dei deumidificatori da incasso o con la ventilazione meccanica centralizzata.

Cìè da dire anche che di sistemi termoregolazione evoluti in commercio ce ne sono parecchi, i più raffinati rilevano anche un parametro che si chiama VOC, che semplificando di molto possiamo etichettare come rilevamento della qualità dell’aria.

Quando un sistema di termoregolazione controlla i 3 parametri avrà il compito di gestire la temperatura di mandata dell’acqua nei vari circuiti, gestire la deumidificazione degli ambienti e infine gestirà anche la qualità dell’aria regolando a dovere la ventilazione meccanica centralizzata.

I sistemi di oggi possono permettertri anche di gestire la termoregolazione da remoto, e in base alla classe dispositivo termoregolazione evoluto possiamo integrare la produzione di energia elettrica per capire quando conviene accumulare quella termica che serve per i nostri ambienti.

Se vuoi saperne di più e vuoi capire come inserire in modo efficace ed intelligente un sistema di termoregolazione evoluto negli ambienti della tua abitazione, noi ne abbiamo perfezionato uno che si chiama Smart Solar, lo trovi qui. E se vuoi capire meglio come sfruttare la produzione di energia elettrica per ottimizzare i consumi di quella termica, ho scritto tutto qui: Fotovoltaico e termoregolazione.


Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'website_remove' not found or invalid function name in /home/customer/www/soluzionisolari.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stai costruendo o ristrutturando casa?

Scopri come ottenere il massimo dagli impianti per la tua casa no gas, senza commettere errori e senza accettare compromessi.

Devis barcaro soluzioni solari

ATTENZIONE: Non seguo appartamenti e condomini, il mio lavoro è dedicato esclusivamente a chi possiede ville o abitazioni singole.

Prenota adesso la tua analisi telefonica.

Torna su

Scarica gratis il mio ultimo Ebook “Guida alla scelta degli impianti per la tua Casa No Gas”