Sistema di accumulo fotovoltaico: come funziona e perché installarlo?

sistema di accumulo fotovoltaico

Dotare la propria abitazione di un sistema di pannelli solari è un’ottima idea sia per avere un risparmio economico, anche per dare il proprio contributo nel ridurre l’impatto ambientale, ma questo a volte non basta, infatti per migliorare efficienza ed economicità si può pensare all’installazione di un sistema di accumulo fotovoltaico. 

Infatti, grazie a questa soluzione si potrà immagazzinare l’energia in eccesso e utilizzarla durante le ore serali quando la richiesta di energia è maggiore. Ma cos’è un sistema d’accumulo fotovoltaico? Come funziona? E come installarlo? Scopriamolo!

Come funziona un sistema di accumulo fotovoltaico 

Gli impianti fotovoltaici non producono energia in modo costante durante il giorno: durante le ore diurne l’irraggiamento solare è maggiore e quindi anche la quantità di energia elettrica prodotta aumenta, ma purtroppo, poiché non può essere conservata senza un sistema di accumulo, l’energia in eccesso viene distribuita grazie ai GSE (Gestore dei servizi energetici).

I sistemi di accumulo fotovoltaico offrono un funzionamento dinamico in grado di regolarsi in base alle diverse esigenze di energia durante la giornata. 

Installare un sistema di accumulo fotovoltaico permette d’immagazzinare l’energia in eccesso e di utilizzarla quando c’è maggior bisogno, ad esempio durante le ore serali quando il dispendio energetico è maggiore. 

Se invece la richiesta non supera il fabbisogno, l’energia in eccesso viene conservata nelle batterie ed eventualmente immessa nella rete del GSE.

Questo si verifica solo quando le batterie destinate allo stoccaggio dell’energia hanno una carica piena. 

Perché installare un sistema di accumulo per impianti fotovoltaici

Tra i vantaggi dei sistemi di accumulo per impianti fotovoltaici c’è quindi sicuramente una maggiore possibilità di autoconsumo dell’energia prodotta e un minor ricorso alla rete elettrica nazionale.

Senza gli accumulatori di energia fotovoltaica, infatti, pur avendo dei pannelli solari, si dovrà utilizzare comunque l’energia elettrica tradizionale per soddisfare i bisogni energetici durante le ore serali e notturne.

I sistemi di accumulo consentono di gestire in modo intelligente l’impianto fotovoltaico della propria abitazione grazie all’autoconsumo differito, ovvero alla sua capacità di erogare energia anche quando l’impianto non la produce.  

La scelta di dotare il proprio impianto solare fotovoltaico di un sistema di accumulo permette quindi di massimizzare il suo funzionamento e renderlo davvero efficiente.

Inoltre, la presenza di un sistema di accumulo è la soluzione perfetta sia per essere completamenti autonomi dai fornitori di energia, ma anche per impianti fotovoltaici da installare in zone non rifornite dalla rete elettrica. 

Questa tipologia d’impianti, detti stand-alone o off-grid, sono ideali per case di campagna o montagne o comunque edifici che sorgono in zone isolate.

Sistema di accumulo per impianti fotovoltaici: le tipologie

Quando si parla di accumulatori di energia fotovoltaica si ha riferimento principalmente a due tipologie di sistemi.

Ad esempio, il sistema ad accumulo inverter è la soluzione ideale per chi cerca un dispositivo compatto che non richieda ingenti opere di adeguamento e che non abbia un impatto eccessivo in termini estetici. Solitamente, questo tipo d’impianto si avvale di batterie al litio.

Quando invece si scelgono accumulatori al piombo o al gel, soluzioni che consentono però di poter contare su un maggiore risparmio economico, non c’è altra soluzione che dotare il sistema di accumulo di un pacco di batterie esterno.

In questo modo, gli interventi per l’installazione del sistema di accumulo diventa più complessi e anche lo spazio a disposizione deve essere più ampio.

La tipologia di batteria da abbinare al sistema di accumulo fotovoltaico può fare la differenza in termini di efficienza.

Infatti, mentre quelle al litio sono più costose, ma offrono maggiori prestazioni e una durata che facilmente supera i 10 anni, quelle al piombo o al gel, decisamente più convenienti, hanno tuttavia una durata limitata che, al massimo, può arrivare a 2 o 3 anni. 

Come scegliere il sistema di accumulo fotovoltaico

Per individuare il sistema di accumulo fotovoltaico più adatto per le proprie esigenze e per il tipo d’impianto non c’è altra alternativa che rivolgersi a un fornitore esperto e specializzato che saprà consigliare la soluzione migliore per rendere il proprio impianto davvero efficiente.

Se vuoi installare nuovi pannelli fotovoltaici per la tua abitazione e valutare se installare o meno un sistema di accumulo affidati a esperti del settore? Vuoi maggiori informazioni e capire qual è la soluzione no gas migliore per te? Non esitare: Contattami per una consulenza professionale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stai costruendo o ristrutturando casa?

Scopri come ottenere il massimo dagli impianti per la tua casa no gas, senza commettere errori e senza accettare compromessi.

Devis barcaro soluzioni solari

ATTENZIONE: Non seguo appartamenti e condomini, il mio lavoro è dedicato esclusivamente a chi possiede ville o abitazioni singole.

Prenota adesso la tua analisi telefonica.

Torna su
scegliere gli impianti per la casa no gas

SCARICA GRATIS Il nuovo Ebook
"Scegliere gli impianti per la casa no gas"