fbpx

Ristrutturare casa: Gli impianti e l’indipendenza energetica

Shares
Ristrutturazione casa, gli impianti per indipendenza energetica e vivere senza bollette

Le regioni Italiane si schierano a favore del consumo suolo zero, quindi ristrutturare casa sarà sempre più ben visto.

Per motivi economici e pratici, da quest’anno sarà sempre più incentivata la ristrutturazione delle abitazioni esistenti.

Ristrutturare casa, il primo passo verso l’indipendenza energetica.

Questo nasconde una serie di opportunità, ma purtroppo anche una serie di errori comuni.

Una serie di informazioni errate o concettualmente vecchie, che tutt’oggi vengono divulgate e trasmesse, minano costantemente la tua ristrutturazione e rischiano di farti investire talmente male il tuo denaro, da farti pentire la spesa.

Il ragionamento è sempre quello, non puoi pensare di ristrutturare un’abitazione e di renderla efficiente e moderna se approcci come si faceva 20 anni fa.

Sicuramente la tecnica più diffusa è anche quella meno efficace, e se pensi di capire qualcosa sulla ristrutturazione di una nuova casa iniziando a chiedere i vari preventivi all’elettricista e all’idraulico di turno, preparati ad avere solo un gran mal di testa, perché comincerai a ricevere nozioni confuse, pressapochiste, superficiali e diametralmente opposte, in base che ti trovi davanti.

E se non ti affidi agli artigiani perché hai già capito come andrebbe a finire e procedi con il tipico approccio “sento il mio amico che è bravo…”, oltre al mal di testa ti verrà anche un gran mal di fegato.

Ma se pensi che la soluzione migliore sia quella di andare verso lo studio di architettura o lo studio peritale, credimi che la situazione non è tanto diversa.

Certo, i professionisti che fanno la differenza ci sono, ma sono talmente pochi che è veramente difficile incontrarli in questo percorso.

Ristrutturare un’abitazione oggi è un’occasione da non perdere per unire le moderne tecnologie all’architettura di una volta, un modo elegante di unire il nuovo ed il vecchio per creare qualcosa che rimarrà a lungo, magari per i tuoi figli.

Fai sempre molta attenzione, mixare le nuove tecnologie in una costruzione esistente è un’operazione non da poco, ci vuole un’alta dose di competenze, una conoscenza ampia dei sistemi e di sicuro la voce andiamo a risparmio stona completamente.

Non è la prima volta che mi imbatto in ristrutturazioni dove il committente, per risparmiare qualche soldo a destra e a sinistra, si affida a improvvisati che suggeriscono magari di fare il cappotto solo a nord, nella parte più fredda della casa, e dicono di lasciar stare nelle altre pareti perché non serve, o in quelle società commerciali furbette che si fingono General Contractor, ti promettono il miracolo energetico senza nemmeno cambiare le finestre o lasciando i muri con cui la casa è stata costruita negli anni che furono, magari proponendo soluzioni ibride.

La verità è che non c’è una regola precisa da rispettare, a parte quelle che i vari comuni stanno recependo sul fattore di normativa e di risparmio energetico, perché ognuno tende a interpretarla come vuole.

Ma se vai a ristrutturare quello che ti consiglio sempre è di bilanciare la spesa tra involucro ed impianti.

E se vuoi capire meglio in che direzioni muoverti ho ideato e perfezionato il servizio che fa al caso tuo.

Solo una premessa, dovuta a questo punto, io parlo di case senza gas, solo di quelle.

La casa del futuro, quella energeticamente indipendente, non ha il metano, il GPL, il gasolio o altri combustibili fossili.

La casa del futuro è al 100% elettrica, è una casa senza gas.

Prima di parlarti del mio servizio però, voglio darti qualche dritta sulle cose migliori da fare quando pensi a ristrutturare una casa e arriva il momento di pensare agli impianti domestici.

Prima di ristrutturare casa, pensa a come la vorresti vivere ed immaginala finita

Prima di ristrutturare casa, pensa a come la vorresti vivere ed immaginala finita

Il primo pensiero è come riscaldare quella casa.

Quindi per dirtelo in modo semplice, se hai dei termosifoni in ghisa e non vuoi rompere il pavimento o il tuo budget è limitato, magari pensa a sostituirli con dei termosifoni in alluminio.

Se invece vuoi fare una ristrutturazione a fondo, di sicuro sai che puoi contare su un riscaldamento radiante, tradizionalmente si punta sul radiante a pavimento ma se hai dei locali alti e vuoi ottimizzare la spesa per il riscaldamento, puoi anche pensare ad un radiante a soffitto.

Con una termopompa professionale oltre al caldo puoi fare anche il fresco.

Non devi per forza portare la tua casa ad avere temperature polari, ma anche per deumidificare gli ambienti, se ci pensi subito puoi fare tutto con un’unica macchina risparmiando sul budget oggi e di sicuro anche sulle bollette domani.

La soluzione migliore è sempre la ventilazione meccanica, rende confort e benessere 365 giorni l’anno, ma se non vuoi o non puoi c’è la soluzione.

Prima di ricorrere al solito condizionatore d’aria che ti consiglia l’idraulico, pensa ai ventilconvettori da incasso, e se proprio non puoi allora pensa agli idrosplit, che sono simili al climatizzatore tradizionale ma sfruttano l’acqua della termopompa professionale.

Non dimenticarti il ricambio dell’aria però, inserisci sempre almeno un paio di ventilazioni meccaniche puntuali e non avrai mai il problema della muffa.

Quando hai pensato al caldo, alla deumidificazione ed al fresco, non cercare le migliori pompe di calore in circolazione, ma cerca la centrale termica più efficiente ed efficace a lavorare con il tuo impianto di riscaldamento / raffrescamento e quella più efficiente che dialoga già con il prossimo punto, il fotovoltaico…

Ristrutturare casa, l’impianto fotovoltaico.

Quando pensi a quanta energia ti serve, esci dagli schemi tradizionali che il mercato oggi vorrebbe importi, prima di decidere la potenza da fare per il tuo impianto fotovoltaico, cerca di capire di preciso quanto energia elettrica ti servirà ogni anno.

Però un indizio te lo do subito, visto che il futuro è elettrico, se ti dicono “facciamo 6 kW”, chiedigli almeno di fare un fotovoltaico da 6 kW trifase.

E se ti chiedono il perché o ti dicono che poi costa troppi soldi di fisso, non è colpa loro.

Sono abituati da una vita a fare così, cercano di convincerti in tutti i modi, ma in realtà non gli hanno ancora detto che oggi conviene.

Dopodiché pensa a come realizzarlo.

Se metti mano al tetto e lo coibenti o semplicemente inserisci una guaina, o anche se rinnovi i coppi o le tegole, pensa ad inserire una struttura metallica coibentata che rende l’impianto fotovoltico integrato in copertura elegante ed efficiente.

Oltretutto se al posto delle tegole o dei coppi inserisci un supporto adeguato, io consiglio sempre una lamiera grecata coibentata con isolamento ad alta densità sotto, risparmi anche qualche bel soldino.

Non dimenticarti dell’acqua.

Ricordati sempre che uno dei nemici mortali per la tua nuova casa all’inizio è invisibile, ma quando lo vedi arrivare è troppo tardi per pensarci, pensa subito al calcare.

Il calcare era uno dei nemici più importanti per i vecchi sistemi di riscaldamento e le caldaie, ma quando passi ad un riscaldamento elettrico e scegli la via della pompa di calore, sappi che se non lo lasci fuori da casa entro i prossimi due anni potresti avere spese impreviste veramente molto alte.

Evita però i trattamenti chimici, oggi puoi eliminare il rischio del calcare, e bere tranquillamente quella stessa acqua con una semplice soluzione.

Inserisci un solubilizzatore di calcare a monte dell’impianto e in cucina inserisci la microfiltrazione.

Così puoi anche dire addio all’acqua sulle bottiglie di plastica e risparmiare fatiche e… soldi!

Come ti posso aiutare…

Per far luce su questi dubbi e metterti nella condizione di scegliere gli impianti domestici che ti accompagneranno a vivere quella casa per i prossimi anni, ho perfezionato un metodo.

Se vuoi approfondirlo trovi tutte le informazioni che ti servono in queste pagine, clicca qui.

Inizia con un analisi della tua abitazione e un ragionamento su come la vorresti trasformare, programmando tutti gli interventi che servono per arrivare a viverla come lo desideri tu.

Un passo alla volta, senza commettere errori.

Se vuoi capire come ristrutturare al meglio la tua abitazione, eliminando il gas e scegliendo la strada dell’auto produzione di energia, ti basta un click.

Scopri come ottenere il massimo dagli impianti della tua casa no gas, ottimizzando il budget, senza accettare compromessi.

>