Pannelli Fotovoltaici Incentivi 2021: quali sono i principali

pannelli solari incentivi

L’attenzione all’ambiente e all’implementazione di soluzioni eco-sostenibili è diventata una priorità dei diversi Governi europei, ecco perché nel corso del tempo sono stati previsti per i pannelli fotovoltaici incentivi statali al fine di rendere la spesa più sostenibile.

Infatti, sono numerosi gli incentivi per i pannelli fotovoltaici e altre soluzioni green che consentono alle persone di poter fare una scelta sostenibile, ma anche economicamente conveniente.

Gli incentivi per i pannelli solari sono una delle soluzioni più apprezzate da chi vuole disporre di un impianto per produrre energia elettrica in maniera del tutto indipendente. 

Il governo italiano ad oggi ha messo a disposizione diverse agevolazioni per il fotovoltaico che possono essere richieste da cittadini, imprese, condomini ed enti pubblici. Vediamo le principali.

Incentivi per fotovoltaico 2021: cosa sono? 

Pannelli fotovoltaici incentivi 2021: quali sono? Nel corso degli ultimi anni gli incentivi per il fotovoltaico sono stati un incoraggiamento all’installazione di pannelli solari per riuscire a migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione.

Certo, bisogna considerare che l’installazione di un impianto fotovoltaico è sempre una soluzione conveniente anche perché quelli di ultima generazione sono progettati per offrire alti rendimenti, quindi con o senza incentivi, sicuramente si ottengono dei vantaggi da questo sistema ecosostenibile.

Ma quali sono i principali incentivi 2021 per il fotovoltaico? Gli incentivi sono previsti dal Decreto di Rilancio 2020 (DL 34/2020) e possono essere ottenuti sia come detrazione IRPEF sia come credito d’imposta. Ma vediamo nel dettaglio come funziona!

SuperBonus 110% come incentivo per i pannelli solari 

Il SuperBonus 110%, che riguarda tutti i lavori di efficientamento energetico degli edifici privati, permette di usufruire di una detrazione IRPEF anche per l’installazione di pannelli solari. Ci sono alcuni requisiti specifici da rispettare per avere accesso a questa agevolazione. 

In particolar modo, per usufruire della detrazione è necessario apportare un miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio di almeno due classi e combinare gli interventi definiti trainanti con quelli trainati.

Questo vuol dire, in pratica, che l’impianto solare fotovoltaico e l’installazione di sistemi di accumulo connessi, intervento trainato, deve essere realizzato congiuntamente a un intervento di rifacimento del cappotto, ad esempio, o a un altro considerato trainante dalla vigente normativa. 

Inoltre, le agevolazioni sono destinate a impianti fotovoltaici grid-connected che prevedono che l’energia in eccesso non consumata o non condivisa venga ceduta al gestore dei servizi energetici. 

Il SuperBonus 110% è stato prorogato fino a Giugno 2022.

Due modalità per usufruire delle agevolazioni per il fotovoltaico 

Il SuperBonus 110% per il fotovoltaico consente di godere del contributo con uno sconto già presente in fattura.

Il cliente ottiene l’agevolazione, mentre il fornitore è il soggetto che anticipa l’importo relativo all’installazione dell’impianto fotovoltaico e recupera poi l’importo come credito d’imposta che può essere ceduto anche a soggetti terzi, come istituti di credito. 

Infatti, il Decreto Rilancio 2020 consente di recuperare l’importo investito per l’installazione dell’impianto fotovoltaico con la cessione del credito

Un’altra soluzione è invece il pagamento dei lavori e dell’installazione del pannello fotovoltaico, per poi ottenere un rimborso Irpef di quanto speso, al momento della Dichiarazione dei Redditi. Il rimborso Irpef è suddiviso in 10 rate annuali.

Un’alternativa all’incentivo per il fotovoltaico 110%

Se l’impianto fotovoltaico non permette di apportare migliorie al sistema energetico dell’edificio per almeno due classi, come previsto dal SuperBonus 110%, è comunque possibile usufruire di un altro incentivo per i pannelli solari.

In questo caso, infatti, può essere richiesto l’Ecobonus bonus 50% o il Bonus Ristrutturazione al 50%.

Alla fine dei lavori anche in questi casi sarà necessario inviare un documento di valutazione all’ENEA per dimostrare le opere effettuate e i pagamenti avvenuti (che devono essere tutti tracciabili quindi effettuati con bonifico o assegno, riportando il nominativo del richiedente il bonus).

Il 50% di detrazione fiscale in questo caso permette di accedere a un rimborso Irpef che si ottiene ogni anno per un massimo di dieci.

I consigli per ottenere le agevolazioni fotovoltaico 2021

Per godere dei contributi per il fotovoltaico previsti dalla normativa è necessario assicurarsi che tutti i requisiti vengano rispettati in maniera precisa. Infatti, piccole inadempienze possono impedire che la richiesta vada a buon fine.

Ecco perché, se si vuole installare un impianto fotovoltaico e usufruire delle detrazioni, è importante affidarsi a un fornitore specializzato che non solo può aiutare a scegliere la soluzione migliore per le proprie esigenze.

Vuoi installare un sistema fotovoltaico per rendere la tua abitazione più efficiente e libera dall’uso di altri combustibili (come il gas e l’energia elettrica prodotta dal petrolio e derivati)? Richiedi la mia analisi! Insieme troveremo la soluzione migliore anche per l’installazione dei pannelli fotovoltaici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stai costruendo o ristrutturando casa?

Scopri come ottenere il massimo dagli impianti per la tua casa no gas, senza commettere errori e senza accettare compromessi.

Devis barcaro soluzioni solari

ATTENZIONE: Non seguo appartamenti e condomini, il mio lavoro è dedicato esclusivamente a chi possiede ville o abitazioni singole.

Prenota adesso la tua analisi telefonica.

Torna su
scegliere gli impianti per la casa no gas

SCARICA GRATIS Il nuovo Ebook
"Scegliere gli impianti per la casa no gas"