fbpx

Riscaldare casa senza gas, sei un eroe

Shares
riscaldare casa senza gas

Se pensi di riscaldare casa senza gas e arrivi a cercare informazioni in rete, se vuoi capire come riscaldare casa a basso costo e se la pompa di calore conviene, sei un eroe.

Lì fuori, ma anche qui attorno, è pieno di persone che capiscono solo l’opportunità di venderti un qualcosa, ma che di fatto non sanno nemmeno da dove partire.

Riscaldare casa senza gas, un opportunità… Pericolosa!

Oggi riscaldare casa con una pompa di calore o riscaldare casa con un aggregato compatto, è veramente guardare avanti e abbracciare il futuro, ma ci sono un sacco di ostacoli e di problemi che è meglio conoscere prima per riuscire ad evitarli.

Il primo problema che devi conoscere, e quindi evitare, sono le vecchie abitudini di tutti quei professionisti che realizzano case da tanti anni.

Se a primo impatto possono sembrarti degli esperti, in realtà sono degli abitudinari, e questo nuoce gravemente al tuo obiettivo di essere energeticamente indipendente.

Una casa di 10 anni fa non ha nulla a che fare con un abitazione di adesso, cambiano i materiali, cambiano le leggi ed i parametri di riferimento e cambia il modo di realizzare gli impianti per darti il benessere che pretendi di avere nella tua nuova abitazione.

Quando ristrutturi o costruisci da zero sicuramente l’involucro è molto importante, determinerà i consumi che avranno la tua casa.

Ma se spendi tutto per fare l’involucro e ti rimangono due spicci per fare gli impianti all’interno, ti renderai conto troppo tardi che dovevi bilanciare meglio le spese.

E’ anche vero che si all’involucro non ci pensi nemmeno, realizzare gli impianti domestici che siano economici da gestire e ti diano le massime performance che pensi di ottenere è altrettanto difficile.

Non c’è un metro di misura, non è come inserire due numeri su un foglio excel e vedere i risultati che ne fuoriescono.

L’arma migliore che hai a disposizione è il buon senso di chi ti aiuta a scegliere come riscaldare casa senza gas, di chi ti spiega che la casa oggi la devi anche deumidificare e raffrescare, ma girando cantieri dalla sera alla mattina mi rendo conto che è una qualità sempre più rara.

Ecco perché la soluzione migliore è sempre quella di partire da una consulenza, ma il ragionamento lo riprendiamo alla fine…

Se l’edilizia di vecchio stampo è deleteria per raggiungere l’obiettivo dell’Indipendenza energetica, quando dobbiamo parlare del modo di progettare gli impianti da parte dei professionisti e di quello di realizzarlo da parte degli artigiani, è ancora peggio.

I professionisti che noi abitualmente chiamiamo in causa quando si tratta di realizzare gli impianti di una casa, sono accademici.

Bravissimi a ripetere a memoria quello che hanno studiato nei libri e altrettanto preparati a recitare ad occhi chiusi ciò che trovano scritto nelle brochure commerciali.

Stringi stringi, magari ti appassiona un po’ la materia e vuoi saperne di più, ti sentirai dire di quelle castronate che rischiano di farti passare la voglia!

Traducendo in parole semplici, è sempre più facile imbattersi nel professionista che ti consiglia la marca che magari oggi vende il suo compagno di scuola o in quello che non crede minimamente nella tecnologia delle termopompe e ti consiglia l odiosissima soluzione ibrida.

Non possiamo fargliene una colpa, a scuola c’è una formazione pari a zero sul riscaldamento in pompa di calore e i pochi eletti che vogliono approfondire la materia, devono investirci tempo e soldi. Insomma, è una pratica assai poco diffusa.

Hanno anche il gravoso problema che, anche se volessero approfondire la materia, capirne qualcosa in Italia è sempre più difficile perché gli interessi che prevalgono sono quelli dei costruttori di caldaie e degli amici del metano o dei combustibili fossili, e questo può farti riflettere su molte affermazioni estemporanee che ancora oggi si sentono fare.

Poi c’è l’altro anello debole della catena, gli installatori idraulici.

Anche lui, se lo interpelli, ha qualcosa da dire.

Generalmente se conoscono un po’ la tecnologia delle pompe di calore, è perché ti consigliano quella che loro usano abitualmente per svariate ragioni.

Non è difficile però imbattersi nell’idraulico che inveisce contro le pompe di calore, affermando che non funzionano e che hanno sempre qualche problema diverso, pur di consigliarti la solita caldaietta a metano nascondendo in realtà lacune enormi.

Anche qui la laguna si traduce in mancata conoscenza.

Ma come succede per il professionista che la parte idraulica la deve progettare, per l’artigiano che quelle centrali termiche le realizza con le mani è ancora peggio.

Il vecchio modo di fare che si manifesta a pieno col professionista di estrazione termotecnica e con l’artigiano di derivazione idraulica è uno dei problemi più grossi che abbiamo.

Oltre ai motivi che ti ho scritto sopra ce n’è un altra, una convinzione alla base di tutte che è il colpo di grazia, la peggiore di tutte.

L’unica arma che ha l’artigiano per tentare di convincerti a fare i lavori con lui piuttosto che con un altro è quella di fare il prezzo più basso.

Ma comunque ti dice di stare tranquillo perché è seguito da un professionista termotecnico bravo.

Certo, come no…

Succede che l’artigiano dice al professionista di non mettere tutte le sicurezze perché altrimenti va fuori prezzo e l’impianto costa troppo, proponendoti un qualcosa che sulla carta non funzionerà mai a dovere innescando il meccanismo che ti porterà prima o dopo a litigare con tutta la filiera.

Te lo dico in modo pratico, nudo e crudo.

Se vuoi riscaldare casa senza gas e arrivare a vivere senza bollette, il tuo percorso è tutto fuorché semplice.

riscaldare casa senza gas

Per riscaldare casa senza gas, prima di pensare al fotovoltaico ed alle batterie di accumulo, pensa a come ottimizzare al massimo gli impianti domestici

Riscaldare casa senza gas, da dove iniziare

Devi quasi arrivare a saperne più delle persone che ti circondano intorno, perché tutti puntano al malloppo raccontando favole ma un numero sempre più ristretto di persone sanno veramente come si fa.

Da quando nomini la frase riscaldare casa con una pompa di calore, schierandoti a favore del riscaldare casa senza gas, scateni il putiferio tra gli addetti ai lavori.

Anche con una breve ricerca su internet, vedrai che non è molto diversa la situazione.

Trovi l’esperto che sì camuffa e si traveste in mille modi, ma di base importa macchine che sono rimaste all’età della pietra.

Ogni tanto fuori esce l’idraulico travestito da supereroe che sembra essere l’unico in Italia in grado a fare gli impianti delle case no gas.

Poi ci sono una serie di piccoli cloni che sostanzialmente prendono concetti rubati a destra e sinistra e gli scimmiottano in giro senza nemmeno capire cosa stanno dicendo.

Sostanzialmente, me ne rendo conto, il panorama è tragico.

Guarda, io non mi posso sostituire all’altissimo in cielo, ho solo l’enorme fortuna che faccio questo da quando avevo 8 anni e seguivo il mio babbo al lavoro, un po per gioco e un po per curiosità.

Oggi ho superato i 40 (e ho messo in pausa il conto) e tuttora frequento l’università del cantiere seguendo idraulici, elettricisti, progettisti, costruttori per conto dei miei clienti, tutti i santi giorni.

Tutto quello che so l’ho imparato grazie ad un mio grandissimo difetto.

Sono estremamente curioso e mi è rimasto il vizio che hanno tutti i bambini piccoli di chiedere il perché su ogni cosa, con una preparazione tecnica che mi aiuta a capire e a trasferirti le informazioni utili per fare le scegliere come riscaldare casa senza gas, senza commettere errori.

Io sono un consulente puro, sono uno di quelli che può permettersi di dirti le cose come stanno perché il mio compenso viene pagato prima e quindi per me dire che quel prodotto fa schifo o dire che quel prodotto è buono non mi cambia nulla.

Sai che in Italia permettersi di parlare senza peli sulla lingua è pericoloso, ma è un prezzo che sono disposto a pagare pur di portare un po’ di informazione sana a chi la casa senza gas la vuole realizzare andando contro l’opinione di molti.

E con questo non voglio parlar male della categoria che conosco molto bene e che di fatto mi ha allevato sin da piccolo.

Ma voglio solo metterti in guardia dai pericoli comuni che si aggirano intorno a te che stai cercando informazioni per realizzare la tua nuova casa e vorresti abbracciare le nuove tecnologie, non combatterle come fanno molti di loro.

Ecco, dal mio punto di vista se tu stai leggendo questo articolo e vuoi realizzare una casa senza gas, sei un eroe.

Se ti dovessi paragonare ad un animale, sceglierei senza ombra di dubbio il salmone.

Il salmone per arrivare al suo obiettivo deve tutti i giorni risalire le correnti del fiume, e tu che vuoi una casa che ti renda indipendente dalle bollette stai facendo lo stesso percorso.

Io posso solo dirti che la soddisfazione che riuscirai ad ottenere, seguendo i consigli e le strategie che diffondo quotidianamente, saranno impagabili.

Come riscaldare casa senza gas, eliminando i combustibili fossili

Io aiuto ogni giorno le famiglie che mi contattano a realizzare sempre e solo case senza gas, e sfrutto al massimo l’energia del sole come spiego meglio in questo articolo, senza alcun problema con la produzione di acqua calda sanitaria.

Assieme a loro sposo la filosofia del riscaldamento senza gas e del riscaldamento senza caldaia, che ad oggi sono due nemici mortali che devi evitare per il tuo benessere e per quello della tua famiglia. Non serve nemmeno pellet o legna, serve solo sapere con chi si ha a che fare e muoversi di conseguenza.

Per riscaldare casa senza gas, e ottenere un riscaldamento casa a basso costo di gestione, devi saper unire 3 pezzi di puzzle molto importanti:

  1. La visione finale del risultato, che ti aiuterà sin da subito a tracciare la strada da seguire, evitando così di perdere tempo e denaro per raggiungere l’obiettivo.
  2. Devi capire che i numeri reali che servono a casa tua non sono quelli scritto sulla legge  10/91, perchè quello è un documento che serve ad ottenere i permessi dal comune, ma non è il più idoneo a ragionare sul calcolo del fabbisogno dinamico che invece serve per riscaldare una casa senza gas utilizzando una pompa di calore, utilizzandola anche per la produzione di acqua calda sanitaria e per la deumidificazione estiva.
  3. Devi avere a che fare con persone lungimiranti che abbandonano il vecchio modo di fare e sanno come fare gioco di squadra per aiutarti a percorrere controcorrente quel percorso che ti porterà alla vittoria finale.

E se vuoi ottenere il massimo dai tuoi impianti domestici, ottimizzando il budget, senza accettare compromessi la mia consulenza ti aiuterà ad arrivare dritto dritto all’obiettivo che ti sei posto.

>