Acqua sanitaria: cos’è e come funziona la produzione con pompa di calore

produzione acqua calda sanitaria

La produzione di acqua calda sanitaria, spesso quando è legata a un impianto in pompa di calore, è argomento di contese o di pretesti per non farti scegliere la pompa di calore. In realtà, ci sono enormi benefici nel produrre ed accumulare acqua calda sanitaria generata con una pompa di calore.

Ovviamente li puoi ottenere se li conosci, se li comprendi appieno e se li sai sfruttare, per questo in questo articolo vedremo gli impianti per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria più performanti.

Cosa si intende per acqua calda sanitaria e a cosa serve?

L’acqua calda sanitaria è quella che usiamo in casa per lavarci, fare la doccia, lavare i piatti e così via. È fondamentale per mantenere la pulizia personale e la casa in ordine. Quando diciamo “acqua calda sanitaria”, intendiamo proprio quella che serve per le attività quotidiane che coinvolgono l’igiene e la pulizia.

Assicurarsi di avere abbastanza acqua calda e che sia alla giusta temperatura è essenziale per il comfort e il benessere di tutti in casa. Per questo, è importante considerare come viene prodotta e distribuita, per garantire che sia sempre disponibile quando ne abbiamo bisogno, senza sprechi né problemi di sicurezza.

Quale temperatura impostare per acqua calda sanitaria?

Quando si tratta di impostare la temperatura per l’acqua calda, la scelta dipende principalmente dalle tue preferenze e da ciò che ti fa sentire più a tuo agio.

In generale, una temperatura intorno ai 40-45 gradi Celsius è solitamente piacevole per lavarsi le mani e fare la doccia senza rischiare di scottarsi.

Se devi lavare i piatti o fare il bucato, potresti optare per una temperatura leggermente più alta, intorno ai 50-60 gradi Celsius, per assicurarti che tutto sia ben pulito e igienizzato.

Tuttavia, ricorda che temperature troppo alte possono aumentare il rischio di scottature e consumare più energia, quindi è importante trovare un compromesso che funzioni per te e che sia sicuro ed efficiente.

Come produrre acqua calda sanitaria con una pompa di calore?

Produrre acqua calda sanitaria con una pompa di calore implica accumulare energia termica da utilizzare quando serve acqua calda al rubinetto.

Una volta, l’acqua calda sanitaria veniva prodotta istantaneamente con la caldaia o attraverso piccoli accumuli ad alta temperatura sempre alimentati dalla caldaia. Ora, con l’avvento delle pompe di calore, è necessario adottare approcci più intelligenti e sofisticati, il che può risultare complesso, specialmente per i tecnici conservativi che resistono al cambiamento.

È fondamentale notare che accumulare acqua calda sanitaria generata da una pompa di calore richiede attenzione al calcare, che può danneggiare il sistema nel tempo. Inoltre, è importante considerare il rischio di Legionella quando si accumulano grandi quantità di acqua calda, poiché questa può svilupparsi in sistemi di accumulo.

Tuttavia, è possibile produrre acqua calda sanitaria in modo efficiente ed intelligente utilizzando una pompa di calore, purché si adottino le giuste precauzioni e si comprendano le sfide coinvolte.

1. Con la resistenza

Esistono diverse modalità per produrre acqua calda sanitaria. Tra queste, vi è il metodo più tradizionale, ancora amato da alcuni, che impiega resistenze elettriche per riscaldare l’acqua.

Questo sistema coinvolge la caldaia e la pompa di calore, oltre alla resistenza elettrica. Personalmente, non riesco a comprendere appieno l’utilità di questa resistenza, ma vi è ancora chi la utilizza.

2. Con una pompa di calore dedicata

In alternativa, ci sono coloro che optano per una pompa di calore dedicata alla produzione di acqua calda sanitaria.

Non è una scelta da scartare del tutto, anche se potrebbe essere motivata dalla mancanza di una pompa di calore ad alte prestazioni o da altre ragioni specifiche.

Alcuni tecnici potrebbero preferire mantenere separati i sistemi per garantire una maggiore sicurezza. Non critico questa scelta, è piuttosto una soluzione da esaminare attentamente.

3. Con una pompa di calore con accumulo di acqua calda sanitaria

Tra le opzioni disponibili, preferisco quelle che prevedono l’utilizzo di un’unica macchina dotata anche di un serbatoio per l’accumulo di acqua calda sanitaria.

È importante chiarire che un accumulo di acqua calda sanitaria comporta la disponibilità di una certa quantità di litri d’acqua, corrispondente a una specifica potenza termica che viene utilizzata quando si apre il rubinetto, garantendo il riscaldamento dell’acqua necessaria.

Queste soluzioni comprendono diversi tipi di serbatoi, come ad esempio il “Tank in Tank”, che prevede un bollitore più piccolo inserito all’interno di uno più grande, o il bollitore con serpentina maggiorata appositamente progettato per l’utilizzo con pompe di calore.

4. Impianti per l’acqua calda sanitaria con Accumulo e produzione istantanea

Un’altra soluzione che sta tornando di moda, e che personalmente ho utilizzato, è quella dell’armadio termico.

Si tratta di una modalità di produzione dell’acqua calda sanitaria istantanea all’interno di un serbatoio tecnico. Questo sistema rappresenta una variazione rispetto alla pratica comune, poiché comporta un accumulo di energia termica che viene utilizzato immediatamente quando si apre il rubinetto.

Questo approccio non solo previene il rischio di Legionella, ma riduce significativamente anche la formazione di calcare. Questi sono aspetti cruciali da considerare quando si sceglie il sistema più adatto per la produzione di acqua calda sanitaria.

5. Con il solare termico

Alcuni potrebbero consigliare l’uso del solare termodinamico per la produzione di acqua calda sanitaria, e non posso biasimarli per questa scelta, assolutamente.

Tuttavia, è importante considerare che su una casa elettricamente autonoma, come ho spiegato più volte in passato, l’installazione di pannelli fotovoltaici domestici rappresenta una scelta più conveniente e coerente dal punto di vista dei numeri.

Potremo approfondire ulteriormente questa questione più avanti, ma è un fatto che, in una casa completamente elettrica, l’energia solare fotovoltaica offre vantaggi evidenti e pratici.

Quando produrre acqua calda sanitaria?

Detto ciò, diventa cruciale comprendere quando è opportuno produrre acqua calda sanitaria e, in questo contesto, le strategie sono molteplici e devono essere adattate alle esigenze specifiche della casa, ai tipi di impianti installati e a vari altri fattori.

Tuttavia, per dare un esempio pratico, è sempre consigliabile produrre acqua calda durante le ore di sole o durante il giorno, specialmente quando si prevede di utilizzare poco gli impianti fotovoltaici o quando non si è in casa per vari motivi. Questo approccio può essere motivato da considerazioni tecniche, ma l’obiettivo è sempre quello di ottimizzare l’uso dell’energia solare disponibile.

Inoltre, è fondamentale pianificare la produzione di acqua calda in modo da assicurare che sia disponibile prima dell’uso previsto da parte della famiglia o degli utenti.

È importante anche tenere in considerazione l’uso del ricircolo, una pompa a basso consumo che consente di avere acqua calda istantaneamente al rubinetto, riducendo i tempi di attesa e ottimizzando il consumo energetico complessivo.

Queste sono solo alcune delle strategie che devono essere considerate e affinate per garantire una produzione ottimale di acqua calda sanitaria, sempre nel momento più opportuno e in base a una valutazione completa della situazione.

Produzione di acqua calda sanitaria: Come farlo correttamente

Da qui, è fondamentale capire come produrre acqua calda sanitaria nel modo corretto, perché purtroppo ci sono molte vie per sbagliare.

La prima regola è quella di abbondare: è meglio avere un surplus piuttosto che essere carenti. Se devi decidere sulla dimensione dell’accumulo durante la fase di progettazione o selezione, è preferibile avere un surplus piuttosto che una carenza. Più abbondi con l’acqua calda sanitaria, più puoi essere sicuro che le tue esigenze saranno soddisfatte dal lavoro generato dalla pompa di calore una sola volta al giorno.

Tuttavia, è importante non esagerare e bilanciare attentamente, poiché non esistono numeri fissi e la decisione deve essere contestualizzata alle esigenze specifiche.

Il ricircolo dell’acqua calda può influenzare significativamente la quantità necessaria, un ricircolo ben gestito comporta un consumo minimo di acqua calda sanitaria, mentre uno gestito male richiede accumuli molto più grandi, diventando uno spreco di energia.

È essenziale anche accumulare l’acqua calda a temperature elevate e distribuirla mescolandola alla temperatura richiesta, riducendo così gli sprechi e ottimizzando i consumi. Anche se l’uso della valvola antiscottatura è obbligatorio per legge, spesso viene sottovalutato nell’utilizzo delle pompe di calore, per motivi ancora poco chiari.

La strategia principale per la produzione di acqua calda sanitaria è farlo quando costa meno o nulla, ad esempio quando i pannelli fotovoltaici producono energia in abbondanza o durante le ore diurne quando le temperature esterne sono più elevate. Tuttavia, ogni decisione deve essere adattata al contesto specifico e non deve diventare una regola rigida.

3 Consigli Finali

Infine i miei 3 consigli finali:

  • la scelta del dimensionamento della pompa di calore e dell’accumulo devono essere legate all’utilizzo e ad altri fattori e, se hai dubbi sull’impianto, è meglio optare per due pompe di calore anziché una sola;
  • su una casa completamente elettrica non è necessario installare una pompa di calore ibrida;
  • la strategia migliore è produrre energia elettrica per poi convertirla in energia termica in modo efficiente e intelligente per aumentare l’autoconsumo e ridurre la dipendenza dalla rete elettrica.

Vuoi ottimizzare il tuo sistema di produzione di acqua calda sanitaria e risparmiare sull’energia utilizzata? Prenota da qui la TUA analisi telefonicahttps://soluzionisolari.it/analisi-telefonica-davis-barcaro/.

Vuoi approfondire il tema?

✅ 👉 Compra il mio ultimo libro: https://bit.ly/librocng

✅ Scarica il mio ebook: https://bit.ly/guida_impianti

✅ Entra nel gruppo Facebook: https://www.bit.ly/CasaNoGas

✅ Leggi cosa dicono i miei clienti: https://www.bit.ly/recensionidevisbar…

 

Picture of Devis Barcaro

Devis Barcaro

Aiuto a scegliere, progettare e realizzare impianti domestici per abitazioni energeticamente indipendenti, che sfruttano al 100% l'energia del sole.

Vuoi entrare in contatto con me?

il primo passo è prenotare un’analisi telefonica per capire se e come ti posso aiutare per la tua abitazione. segui il percorso cliccando il pulsante qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Devis Barcaro

Dal 2015 sono specializzato nella realizzazione di ville no gas, quelle 100% elettriche che sfruttano al massimo l’energia del sole.

Gli ultimi articoli...

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.